Una delle foto più frequenti di Eunice de Souza, poetessa e scrittrice indiana, la ritrae con un pappagallo in testa, in vestaglia, a guardare fuori della finestra in una cucina.

Rina, la protagonista del suo romanzo Dangerlok, ce la immaginiamo proprio così: un po’ folle, come devono pensare i vicini o i colleghi, molto indipendente, arguta, autoironica, e molto sola, una donna single di mezza età che vive in un minuscolo appartamento in una zona periferica di Bombay.


La sua è una storia fatta di cucine, di francobolli da andare a comprare da dipendenti delle poste scorbutici che sembrano gnomi, di corse sui treni e sugli autobus affollati in mezzo al traffico solo raramente intramezzate da quelle in taxi – quando si ci può concedere il lusso, delle classi di studenti curiosi o annoiati del college dove insegna letteratura inglese, di discorsi e pettegolezzi della bai (la domestica con la quale si intrattiene spesso a parlare), delle vicende meschine e divertenti del vicinato, di pappagalli verdi da accudire, di frequenti lettere a un ex che ora sta negli States, di riflessioni sulla letteratura postcoloniale in inglese, di una Bombay invivibile ma che è l’unico posto dove si può vivere, di una sigaretta e una tazza di tè.

E anche di dangerlok, di tipi fastidiosi e pericolosi presenti in ogni dove, come la bai ha battezzato nella sua lingua tutta particolare tutti quelli che non le piacciono.

Queste cento pagine hanno un ritmo che è come la metrica di un poema e che inanella tutte queste piccole situazioni lungo un filo di ironia: è il ritmo della quotidianità di una città che ha sullo sfondo tutti i problemi di una nazione complessa e in movimento, ma che è fatta di angoli, treni, quartieri e di gente che trova sempre il modo di affaccendarsi, di lamentarsi e di sorridere di sé.


Consigliato a chi apprezza le piccole storie quotidiane, che sono poi il vero specchio di una nazione.


Eunice de Souza (1940–2017) è stata una scrittice e poetessa indiana, conosciuta soprattutto per la la sua raccolta di poesie Women in Dutch painting (1988). Nata a Pune, ha studiato negli Stati Uniti e a Mumbai e ha insegnato letteratura inglese allo St. Xavier’s College, a Mumbai.


Eunice de Souza, Dangerlok, Metropoli d’Asia, 2009

Edizione originale: Dangerlok, 2001

Traduzione di Gioia Guerzoni

128 pagg., 12,50 euro

Clicca qui per accedere direttamente alla pagina Amazon dove acquistare il libro

 

Per altri consigli di lettura, visita la nostra sezione: Letteratura