Avete mai pensato di celebrare la festa di Navaratri proprio in India?

E nella maniera più tradizionale: attraverso la Sadhana della Dea.

Nell’Induismo, il termine sanscrito Sadhana indica la disciplina spirituale, ovvero l’insieme di tutte quelle pratiche rituali che vengono eseguite con lo scopo di ottenere il Moksha, la liberazione.

In questo caso il termine riguarda le pratiche in uso durante la festa di Navaratri.  

Per saperne di più su Navaratri leggi: Navaratri: le nove notti di Durga


Un devoto di Shakti concepisce la Dea come la suprema, ultima Divinità.

La Dea è considerata allo stesso tempo la fonte di tutta la creazione, la sua raffigurazione e l’energia che l’anima e la governa.

L’attenzione dello Shaktismo sul Divino Femminile non implica un rifiuto della divinità maschile o di quella neutra.

Tuttavia, entrambe sono considerate inattive in assenza di Shakti.

Se Shiva è unito a Shakti, è in grado di creare. Se non lo è, è incapace anche di muoversi“.

Questo è il principio fondamentale dello Shaktismo, come sottolineato nella nota immagine della dea Kali che calpesta il corpo apparentemente senza vita di Shiva.

In linea di massima, Shakti è considerata il cosmo stesso, l’incarnazione dell’energia e del dinamismo, la forza motivante dietro tutte le azioni, l’esistenza nell’universo materiale.

Shiva è il suo aspetto maschile trascendente che elargisce la sostanza divina di ogni essere.

“Non c’è Shiva senza Shakti, o Shakti senza Shiva. I due in se stessi sono Uno”.

La festa di Navaratri è impostata interamente sulla Dea che offre benedizioni a profusione agli aspiranti spirituali che l’adorano con pura devozione durante le nove notti (“nava” significa nove e “ratri” significa notte).

In occasione di Navaratri, il Centro Spirituale Silence Of Souls organizza una Sadhanadi nel suo centro di Ranichauri (nello stato dell’Uttarakhand) con un ritiro intensivo per esplorare l’energia Shakti.

Ecco qui di seguito tutti i dettagli:

Data: dal 1 ottobre al 11 ottobre 2016

Durata: 11 giorni

Numero di posti disponibili: 11

Durante il Ritiro verrà data particolare importanza a:

  • il cibo sattvico di Navratri (cioè la frutta, la maggior parte dei vegetali, i semi e le noci, i cereali, latte e latticini, quantità moderate di erbe aromatiche e spezie: questi cibi rendono il corpo armonico e puro e la mente chiara e concentrata);
  • Pratica di Yoga e Pranayama;
  • Intensa meditazione;
  • Mantra JAPA (recitazione di mantra della Dea);
  • Produzione di sementi di orzo – Hariyali (raccolto verde);
  • Rituale serale quotidiano dedicato alla Dea – Havan / Homa (sacrificio del fuoco) per la depurazione;
  • Visita al Forest Temple;
  • Devi Puja (celebrazione della Dea);
  • Canzoni sulla Divinità femminile (Kirtan);
  • Kanya Puja, cioè la celebrazione tenuta l’ottavo e il nono giorno di Navaratri che onora nove giovani ragazze che rappresentano le nove forme della dea Durga (Navadurga).

Kanya pujia


Programma generale

03:45 AM:  Sveglia

04:20-05:00: Pranayama

05:00-07:00: Meditazione e JAPA (Recitazione di mantra)

07:00-08:00: Yoga

08:00-09:00: Colazione e tè

09:00-11:30: Tempo libero

11:30-013:00: Meditazione e JAPA (Recitazione di mantra)

13:00-02:00: Pranzo

14:00-16:30: Sadhana Personale

16:30-17:00: Tè serale

17:00-18:00: passeggiata e birdwatching

18:00-18:30: Preparazione di Havan (Fuoco di preghiera)

18:30-19:30: Devi (dea) Havan (preghiera del fuoco) con canti

19:30-20:00: Meditazione

20:00-21:00: Cena

21:00: Riposo

Potrebbero esserci cambiamenti nel programma a causa di circostanze impreviste, come variazioni meteo.


Contatti per partecipare:

Silence Of Souls (SOS)

Sito Web: http://silenceofsouls.webs.com/

E-mail: contact@silencefsouls.in

bahuguna.vimal@gmail.com


Immagini di Vimal Bahuguna