Articolo in 2 minuti – Bollywood ha ormai conquistato anche l’Occidente, a tal punto che sono in molti a credere che sia l’unica industria cinematografica in India.

Niente di più sbagliato! Ne esistono infatti altre, forse meno note a noi, ma non per questo meno seguite in India, dove hanno un nutrito stuolo di appassionati.

Assai produttive sono infatti anche Kollywood, l’industria cinematografica in lingua tamil, Mollywood in lingua malayalam e Tollywood in lingua telugu.

Anche la lingua bhojpuri, diffusa in Uttar Pradesh, in India del Nord, ha dato vita a una copiosa produzione di film.

I protagonisti di questi film sono vere e proprie star a livello locale. Proprio come a Bollywood. E l’elenco potrebbe continuare…

 


 

Per approfondireBollywood, l’industria cinematografica con sede a Mumbai, ha finalmente varcato i confini del Vecchio Continente ed è giunta con crescente successo anche nelle nostre case.

Se però pensi che il cinema indiano sia solo Bollywood ti sbagli di grosso, e lo scoprirai in questo articolo, in cui conoscerai alcune delle star del cinema “regionale”.

Tra acrobazie spericolate, eroi baffuti più o meno romantici, improbabili cappottamenti di auto Ambassador, ecco che inizia il nostro piccolo viaggio nelle industrie del cinema indiano!

 

Il cinema Tamil – Kollywood

Se anche qui musica e danza la fanno da padrone, noterai, come lo avrai fatto viaggiando, che più si scende in India, più aumenta la percentuale di… uomini baffuti. Un po’ come il pantalone lungo, per gli indiani del Sud i baffi sono la quintessenza del “macho”.

Proprio un artista tamil, Wilbur Sargunaraj, avrebbe sostenuto che “L’uomo senza baffi, non è uomo. Puoi avere bicipiti giganti e un petto enorme. Ma non sei un vero uomo, se non hai i baffi!

Kollywood prende la K da Kodambakkam, quartiere residenziale di Chennai in cui ha sede l’industria tamil, attivissima, solamente seconda dopo Bollywood, popolarissima anche fuori dall’India, soprattutto in Sri Lanka e Malesia.

I film di Kollywood promuovono la cultura e l’importanza della famiglia in Tamil Nadu e sono piuttosto lontani dall’”americanità” tipica di molti successi di Bollywood.

Ma non è raro che, se un attore è meritevole, riesca a fare il grande salto a Mumbai. E’ il caso del giovane e affascinante Dhanush, nella foto qui sopra, che dopo aver riscosso notevole successo con il film tamil “3 – Moonu” (noto per la hit “Why this kolaveri di”, che racconta lo sfogo del protagonista, innamorato deluso in preda ai fumi dell’alcool) ha ottenuto un primo ruolo a Bollywood nel film “Raanjhanaa”.

 

Il cinema Bhojpuri

Finché non sono arrivata a Varanasi non avevo idea dell’esistenza di questa lingua e ancor meno credevo che avesse una così produttiva industria cinematografica.

Ma forse quello che mi ha più stupito è che il bhojpuri, che credevo essere una lingua indiana, è parlato anche in Brasile, Guyana, Suriname, nelle Fiji, a Trinidad e Tobago e nelle Mauritius, dove i parlanti stessi sono anche, ovviamente, appassionati dei film provenienti da questa industria del cinema indiano.

Il bhojpuri ha raggiunto questi Paesi in parte in seguito all´immigrazione di indiani di credo musulmano, in parte a causa dell’arrivo in tali Paesi di parlanti di bhojpuri in regime di servitù debitoria (solitamente lavoratori dediti alla raccolta di canna da zucchero) nel periodo della dominazione inglese.

Non sarà difficile, se vivi per qualche tempo a Varanasi, imbatterti in qualche troupe intenta a girare un film. Chissà che non ti venga proposto di fare da comparsa…

 

Il cinema Malayalam

Questa volta parliamo di Mollywood, l’industria cinematografica del Kerala. Anche qui non troverai grossi effetti speciali, ma piuttosto storie di vita reale, problemi familiari e spaccati di vita quotidiana.

Addirittura qualche vecchio film malayalam è stato definito come appartenente a una categoria simile a quella del nostro neorealismo, per via dei temi trattati e dei protagonisti, appartenenti a classi sociali inferiori.

La cultura locale e le sue manifestazioni non mancano, non sono rare le scene in cui vengono riprese ballerine della danza classica locale, il Mohiniattam, o del famoso teatro-danza Kathakali, o ancora del rituale keralita del Theyyam.

 

Il cinema Telugu

Per concludere questo breve viaggio nel cinema indiano regional, ancora due parole su Tollywood – il cinema indiano in lingua telugu, la cui industria ha sede a Hyderabad in Andhra Pradesh.

L’ho tenuto per il gran finale, perché è da Tollywood che proviene quella che in India chiamano la “Megastar”. Anche se pensi di non conoscerla, dovresti aver visto questo viralissimo video con l’ alter ego telugu di Michael Jackson, noto a tutti gli youtuber (e non) come “Indian Thriller”:

Il video è uno spezzone del film telugu “Donga” del 1985, concretamente della canzone “Goli Maar”, il cui protagonista principale è Chiranjeevi, attore famosissimo in tutta l’India seppur la sua presenza sia limitata ai film di Tollywood.

Chiranjeevi è stato protagonista di numerosi film d’azione oltre a essere entrato in politica.

Per chiudere in bellezza, ti lascio con una sua rocambolesca sequenza tratta dal film d’azione “Alluda Majaka” in cui, in una folle corsa ne combina di tutti i colori, rischiando la propria… virilità e fuggendo a cavallo strisciando sotto un camion… vedere per credere!

 


 Immagine principale: foto dell’autrice

Immagine 1 (Dhanush) tratta da indiaglitz.com, immagine 2 (cartellone bhojpuri) tratta da bhojpuri.sfzonline.com, immagine 3 (cartellone malayalam) tratta da metromatinee.com, immagine 4 (Chiranjeevi) tratta da ndtv.com