Avete presente gli indiani con il turbante?

Ecco: sono i Sikh, provengono dalla regione del Punjab e praticano una religione che approssimativamente può essere definita come un mix tra Islam e Induismo.

I Sikh rappresentano in Italia una minoranza consolidata a tal punto che senza di loro la produzione di Grana Padano e Parmigiano avrebbe seri problemi.

Sull’argomento leggi anche: I Sikh e l’industria casearia italiana

Oggi andiamo alla scoperta di una festa tipica Sikh che si è tenuta da poco tenuta in Italia: Nagar Kirtan.

Ce lo racconta Gaurav Arora, indiano residente in Italia da dieci anni che oramai si definisce italo-indiano e autore del blog Italianpanti.

Articolo originale disponibile a questo indirizzo


Sat sri akal Ragazzi!

Oggi vi portiamo a conoscere “Nagar Kirtan”, una manifestazione che da diversi anni riempie di colori, tradizione e cultura le strade delle più grandi città d’Italia.

Di cosa si tratta?

È una sfilata organizzata dalla comunità Sikh per celebrare il Baisakhi (la festa del raccolto) e la nascita della “Khalsa Panth” (cioè la comunità internazionale dei Sikh).

Ora andiamo a vedere come si svolge.

Partiamo dalla parte fondamentale, il carro di decori floreali, nastri e colori che trasporta il “Guru Granth Sahib” (il libro sacro della religione Sikh).

Carro che trasporta “Guru Granth Sahib”

Il carro viene preceduto da alcune macchine decorate, dalle donne che puliscono le strade per l’arrivo del guru, da cinque guerrieri con le spade e cinque con la bandiera che riporta il simbolo della comunità e rappresenta i primi cinque uomini che lo stesso Guru Govid Singh (il decimo guru dei Sikh) aveva “battezzato” alla nascita della comunità “Khalsa Panth”.

Donne che puliscono le strade - Sikh in Italia

Sikh in Italia - Cinque Singh con le spade

A seguire il “Guru Granth Sahib” ci sono miglia di persone con abiti tradizionali punjabi (le donne sono vestite con il “salwar kamiz”, mentre gli uomini indossano il “kurta” e turbanti di colori diversi) e altri ulteriori carri, da cui vengono cantate e suonate preghiere e musiche religiose.

Sikh in Italia - Sikh in abiti tradizionali

Al fondo della sfilata, alcuni giovani ragazzi presentano il Gatka, un’arte marziale con i bastoni, usata da Guru Govind Singh per proteggere il proprio turbante, e quindi la propria identità religiosa.

Sikh in Italia - Gatka, arte marziale dei Sikh

Ovviamente a una manifestazione dedicata al Punjab e ai punjabi non può mancare il cibo tipico.

Ed ecco che troviamo, sia alla chiusura che nel mezzo della sfilata, diversi carri che distribuiscono cibo, succhi e frutta.

Importante da ricordare che è una manifestazione che apre le porte a tutte le comunità indiane, ma non solo.

Sikh in Italia - Distribuzione Cibo

Vi rubiamo ancora qualche secondo per raccontare alcune nostre emozioni.

Sono diversi anni che organizziamo il Nagar Kirtan di Brescia.

Ma quest’anno è stato davvero speciale: a causa di un forte diluvio abbiamo potuto vivere la fratellanza, l’unione e la protezione nei confronti di persone anche sconosciute.

Ci siamo sentiti davvero fieri e fortunati di far parte di questa comunità.

Sikh in Italia - Distribuzione Cibo

Allora cosa dite: vi è piaciuto il nostro viaggio i mezzo ai colori, tradizione e cultura Sikh?

Se avete domande di qualsiasi genere non esitate a scriverci.


Email dell’autore: arorag53 [at] yahoo.it

Tutte le immagini sono dell’articolo originale