Nell’immaginario collettivo occidentale la svastica è associata al nazismo, pertanto è vista come simbolo negativo che rimanda a Hitler e alla persecuzione degli ebrei.

In India, invece, la svastica è simbolo di buon auspicio, soprattutto per i Buddhisti, Induisti e Giainisti e la si può trovare un po’ ovunque: dipinta sui templi, stampata sui vestiti, ricamata sulle borse e disegnata sugli strumenti musicali.

La parola “svastica” deriva dal sanscrito svastika, parola composta da svastí che sta per prosperità e benessere, mentre il suffisso ka si utilizza come diminutivo.

Si potrebbe tradurre come: “è il bene”.

La svastica destrorsa, che va in senso orario da sinistra verso destra (esempio nello schema sottostante dove ingresso e uscita simboleggiano l’entrata e l’uscita delle energie evocate attraverso il simbolo), rappresenta il sole e la vita ed è quella più utilizzata in India.

La sinistrorsa invece va in senso antiorario e richiama la dea Kali, il buio, la magia.

 sinoUscita_rituale

Nonostante le apparenze, quindi, la svastica indiana e quella nazista sono diverse.

Hitler la vide per la prima volta da bambino, in un monastero a Lambach, in Austria, dove studiava. Quando, molti anni dopo, decise impropriamente di utilizzarla come simbolo del nazionalsocialismo scelse di rappresentare la classica svastica al contrario e leggermente inclinata.

Hitler riconosceva il potere e il magnetismo di questo simbolo e, da studioso di esoterismo qual era, sapeva che i simboli rovesciati sono spesso utilizzati da chi pratica magia nera, in quanto portatori di intenti negativi.

Il suo intento era quello di dare l’idea di una valanga che travolga il mondo decadente”.

Svastica nazista.

Inoltre la svastica indiana rappresentava il sole, mentre gli ebrei veneravano la luna. Questo a suo avviso li rendeva dei nemici del simbolo e degli Ariani, razza superiore secondo i nazisti.

In India è rappresentata anche al contrario ma con intento benefico.

In India e in Nepal viene disegnata anche sulle porte delle abitazioni come simbolo di protezione, per impedire al male di entrare.

Leggi anche: Il Paese dei 33 Milioni di Dèi


Fonte utilizzata: ‘La svastica non è stata inventata da Hitler’ da artearti.net

Immagine principale dell’autrice

Immagine 1 tratta da esonet.it

Immagine 2 tratta da delcampe.net