Francesco Santini

Creatore & Responsabile

Il mio inizio in India fu di fuoco.

Arrivato durante un viaggio in solitaria, il secondo giorno finii al raduno religioso Kumbh Mela di Allahabad dove vidi l’India più tradizionale ed estrema, quella dei santoni, delle superstizioni e delle masse umane infinite.

Da allora sono andato e tornato dall’India per i due anni successivi per viaggio e lavoro. Vedo l'India come una realtà piena di sfide ed opportunità: una galassia culturale ed umana unica.

Mi piace scrivere e cercare di capire quello che mi capita intorno. Sono laureato in Studi Internazionali presso l’Università di Torino e ho conseguito un master bi-nazionale in Studi Europei ottenuto presso l’Università di Twente (Olanda) e Münster (Germania) con specializzazione sulle politiche di cooperazione internazionale dell’Unione Europea.

Ho vinto una borsa di studio per un tirocinio per l’ONU di Bruxelles e ho completato uno stage di ricerca sui legami tra liberalizzazioni dei mercati nei paesi in via di sviluppo e il loro impatto sul mercato del lavoro al centro di formazione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ITCILO) di Torino. Ho anche collaborato con il magazine online dei federalisti europei di Bruxelles.

Negli anni ho accumulato esperienze di lavoro disparate in vari paesi; per esempio: il cameriere in Inghilterra, l’apri porta ai matrimoni indiani, addetto alle vendite per un’azienda in Italia, aiutante in una fattoria in India, insegnante a Delhi.

Attualmente vivo a Torino dove lavoro sia per IndiaInOut che per la start-up indiana Flixstock.

francesco@indiainout.com

Silvia Merialdo

Responsabile Editoriale

Un giorno, mentre leggevo un romanzo, mi arrivò per caso un'email da una persona sconosciuta che viveva proprio nel luogo descritto nel libro.

Caso o destino?

Comunque sia, quel luogo è l'India e da allora fa parte dei miei sogni, dei miei viaggi, della mia vita. Quella persona invece è diventata un carissimo amico, che mi ha aperto le porte del suo meraviglioso Paese.

Nella vita, sono una fisica nucleare felicemente approdata nell’editoria (visto che i libri sono la mia passione), dove lavoro come editor di testi scientifici per la scuola. Appena posso viaggio, soprattutto in Asia e in particolare in India, dove sono solita sfruttare l’infinita ospitalità di amici indiani che fanno a gara per avermi a casa loro.

E così sono stata in un progetto per l’infanzia nelle baraccopoli di Bombay, fra gli scrittori in lingua malayalam in Kerala, a conoscere i Baul (menestrelli) bengalesi, a casa di giovani ingegneri informatici di Pune e di una famiglia di bramini nel Gujarat.

Quando non posso viaggiare di persona, lo faccio tramite i libri della mia disordinata biblioteca sul subcontinente indiano, i film di Bollywood e i blog.

Scrivo il blog Indian words (indian-words.blogspot.it), dedicato alle mie letture indiane.

silvia@indiainout.com


Vivek Jhorar

Responsabile Online Marketing

Sono nato e cresciuto in una piccola città dell'Haryana, 160 chilometri a nord di Nuova Delhi.

Con mia sorpresa, sono stato ammesso per un Master in Business Administration (MBA) presso il prestigioso Indian Institutes of Management (IIM) che ho poi completato nel 2008.

Ho poi lavorato 4 anni per Walmart dove ho principalmente imparato una cosa: che non sopporto lavorare nei classici uffici. Infatti le grandi sale fredde e vuote, gli interni finti e laccati, i capi arroganti che urlano mi inquietano all'infinito.

Così mi sono liberato di tutto questo e mi sono avventurato nel mondo delle start-up.

L'India è speciale, non solo perché è la mia terra.

L'ho scoperto leggendo la sua ricca e leggendaria storia, avventurandomici in lungo e in largo - dalle vette dell'Himalaya alla profondità delle sue valli - e assaporando la magia delle sue albe.

La mia anima chiede di non fermarmi e di continuare ad imbarcarmi in nuovi progetti ed avventure.

Così sono giunto a IndiaInOut, spinto anche dalla motivazione di raccontare l'India in maniera più vera, con tutte le sue sfumature, invece dei soliti racconti stereotipati e dei sensazionalismi che inevitabilmente limitano l'esperienza e una reale comprensione del Paese.


Giulia Buriola

Collaboratrice Editoriale

Ventiquattro anni sulle spalle, laurea in Lingue, Culture e Società dell’Asia e dell’Africa Mediterranea presso la celeberrima Università Ca’ Foscari di Venezia.

Amo l’Oriente fin da bambina, ed ho sviluppato un particolare interesse per India e Giappone.

In India, ho vissuto a Varanasi e Delhi e viaggiato in molti luoghi.

A Varanasi ho trovato una seconda casa e a Delhi una città difficile ma che fa sentire la sua mancanza una volta rincasati.

Mi sto specializzando in Cinema e Televisione dell’India moderna presso l’Università di Vienna, di Amburgo e Leida (Paesi Bassi).

Ho ancora tante, tantissime cose da imparare e la curiosità che mi fa sempre da guida.

Scrivo di India per renderla visibile e apprezzabile da tutti - in primis da mamma e papà, che credono sempre io stia partendo per un mondo in cui l’era preistorica dev’essere ancora superata - senza ogni volta dover spiegare che in India non sono tutti vegetariani e induisti e che 'addirittura' hanno la connessione internet, usano gli smartphone e spesso hanno metropolitane migliori delle nostre!

giulia@indiainout.com


Elisa De Pascali

Collaboratrice Editoriale

Laureata in Interpretariato e Comunicazione a Milano durante il quale ho trascorso un anno in Germania in Erasmus. Ho poi conseguito un Master a Newcastle in Comunicazione Interculturale e Relazioni Internazionali.

Il mio amore per l’India è cominciato durante l'erasmus, grazie al vicino di stanza indiano in Germania. Ascoltando ogni giorno storie e racconti di questo paese affascinante, mi sono avvicinata sempre più alla storia e cultura indiana, con la promessa di recarmici il più presto possibile.

Il fatidico momento è arrivato con un tirocinio presso un’associazione per l’empowerment delle donne a Bangalore.

Successivamente ho lavorato per un anno e mezzo a Pune per aziende tedesche.

Dal primo giorno con l'India è stato amore a prima vista. Sono attratta dai suoi colori, profumi ma anche dal frastuono assordante del traffico. Per strada percepisci la vita, la vivacità che mi fa sentire viva.

Faccio parte degli autori di IndiaInOut dagli albori del progetto.

eli@indiainout.com