Terremoto Nepal: sono oltre 4000 i morti, secondo il bilancio ufficiale nepalese. Il bilancio è ancora provvisorio, non sono disponibili i dati di molti villaggi di montagna che i soccorritori faticano a raggiungere. Tra le vittime anche quattro italiani e 2 risultano ancora dispersi.

 


 

Nepal, 28 Aprile 2015 – E’ salito a oltre 4000 il triste conto dei morti in Nepal in seguito al disastroso terremoto che nella notte tra domenica e lunedì ha fatto registrare nuove forti scosse. Purtroppo si registrano anche 4 italiani morti e 2 dispersi. Al momento ci sono 5.000 feriti e migliaia di senzatetto e questi numeri sembrano destinati a salire.

Per un Paese assai povero come il Nepal sarà difficile rialzarsi da questa catastrofe, considerando anche il fatto che l’introito maggiore dell’economia nazionale è il turismo, e che sono crollati anche numerosi edifici Patrimonio dell’Unesco, con danni gravi per il patrimonio artistico della Valle di Kathmandu.

Dalle nazioni vicine (India, Cina, Pakistan) sono già partiti aiuti alle popolazioni colpite. Si stanno mobilitando molti altri Paesi fra cui l’Italia, che ha inviato anche l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri (info sui nostri connazionali dalla Sala Operativa: tel. 0636225).

Per inviare aiuti in Nepal:
– Pagina di Medici Senza Frontiere in Nepal
– Pagina Unicef per il Nepal
Pagina della Croce Rossa Nepalese sul sito della Croce Rossa Internazionale
Pagina dell’associazione umanitaria Shelterbox Italia
– Pagina dell’associazione non-governativa nepalese Help Nepal

 


Fonti: “#Nepal, anche italiani fra i morti. Ecco come inviare aiuti” tratto dal blog di Marco Restelli, www.milleorienti.com

immagine tratta da tg24.sky.it