Articolo in 2 minuti – Volete fare un viaggio in India ma non sapete bene quando e dove sia più conveniente andare?

Una delle domande più frequenti di coloro che desiderano viaggiare in India è proprio quale sia il periodo migliore per partire.

Ognuna delle aeree geografiche dell’India ha dei periodi più o meno indicati, a seconda delle tre stagioni indiane (inverno, estate e monsone).

Per la zona himalayana l’ideale è il periodo fra aprile e ottobre, per la fascia costiera la stagione migliore è quella invernale, mentre i mesi estivi sono sconsigliabili per il sud. 

Ma ci sono anche altri fattori per organizzare il vostro viaggio, come per esempio i festival tenuti nelle varie regioni indiane: a novembre quello dei cammelli di Pushkar, a dicembre i festival musicali di Goa.


Per approfondire – Prendere un “last-minute” per l’India vuol dire considerare la partenza almeno un mese e mezzo in anticipo.

Organizzare un viaggio nel subcontinente indiano richiede infatti un tempo di preparazione lungo, dovuto alla tempistica per ottenere il visto e per le vaccinazioni (non obbligatorie, tuttavia consigliate soprattutto se si viaggi in zone rurali).

Mentre pianificate il percorso del vostro viaggio dovete inoltre considerare in quale stagione andrete. L’India è un Paese enorme e le differenze di temperatura tra nord e sud sono considerevoli, perciò un certo periodo è ideale per il sud e sconsigliato per il nord o viceversa.

Leggi anche: Destinazione India: a ognuno la sua geografia

In India le stagioni sono in linea di massima tre, con piccole variazioni in base all’area geografica: inverno (tra ottobre e febbraio), estate (tra marzo e maggio), monsone (tra giugno e settembre).

Il periodo consigliato per visitare il nord, ovvero la parte attraversata dalla catena himalayana, e l’est (Darjeeling, Sikkim), va da metà aprile a ottobre: gli inverni sono piuttosto rigidi e nevosi nell’area e molte strade sono accessibili solo durante la stagione calda. Le temperature sono alte durante il giorno ma piacevoli al calar del sole: è un vero e proprio toccasana recarsi in montagna dopo un’afosa estate in città.

Al contrario, il periodo post-monsonico e la stagione invernale sono ottimali per visitare la fascia che va dal Gujarat, attraversando gli stati di Goa, Kerala, Tamil Nadu, Orissa, Andhra Pradesh e Bengala.

I mesi estivi, a cavallo tra marzo e l’inizio di giugno, sono sconsigliati per quanto riguarda il sud e la zona centrale dell’India fino all’altezza di Delhi, perché il caldo è estremo.

Le piogge torrenziali del periodo monsonico rendono alcune aree non raccomandate, soprattutto quelle lungo le coste per via dell’ingrossamento delle acque. Molte aree diventano inagibili, e le strutture ricettive sono totalmente chiuse per la stagione, come per esempio a Goa.

Se volete rilassarvi nelle acque cristalline delle isole Andamane, annotate il periodo tra dicembre e febbraio.

Queste sono alcune linee guida utili per individuare la zona più conveniente in cui recarsi in base al periodo a disposizione in cui viaggiare.

È bene essere sempre a conoscenza delle condizioni climatiche durante la pianificazione del viaggio per evitare di esporsi a temperature estreme (come quelle durante il periodo estivo, alle quali il nostro corpo richiede un certo tempo di adattamento) o rischiare di rimanere bloccati per via delle piogge.

Ma vorrei darvi anche alcune chicche per organizzare il vostro viaggio al meglio.

  • Durante i tre mesi invernali, da dicembre a gennaio, potrete ammirare la luna piena riflettersi nel deserto bianco del Gujarat, il Rann of Kutch (www.rannutsav.com)
  • A novembre si tiene la fiera dei cammelli a Pushkar, nello stato del Rajasthan, che ospita almeno 50.000 dromedari.
  • A dicembre Goa pullula di festival musicali con artisti di calibro internazionale che attirano gente da ogni dove, in particolare il Sunburn (sunburn.in). E’ consigliabile cercare alloggio per tempo perché durante il mese di dicembre si registra il tutto esaurito.
  • Se il vostro sogno è quello di vedere una tigre a distanza ravvicinata, considerate l’opportunità di visitare uno dei numerosi parchi nazionali e avventurarvi in un safari la cui stagione inizia a ottobre fino a maggio.
  • Durante il festival del Diwali (tra fine ottobre e i primi di novembre a seconda dell’anno), il più importante in India, la gente si sposta per festeggiare con la propria famiglia, perciò è bene prenotare mezzi di trasporto con largo anticipo perché i prezzi lievitano considerevolmente.

Immagine tratta da https://it.wikipedia.org/wiki/India